In questo modo un po’ complesso, tutti parlano di lavorare in remote, usare lo smart working.

Ma quando un’azienda non può contare su un supporto tecnico, può trovare in difficoltà nel riuscire a fornire a tutti i suoi collaboratori e dipendenti un modo per proseguire il lavoro da casa.

Ci sono parecchie soluzioni nel web che permettono in modo semplice, senza richiedere competenze tecniche, di poter lavorare in modo efficiente da remoto e, in molti casi, è possibile approfittare anche di soluzioni gratuite, se non si hanno particolari necessità.

Le cose fondamentali che servono per lavorare, e soprattutto da distanza, si possono sintetizzare qui (possono variare in base alle proprie esigenze lavorative):

  1. computer
  2. browser
  3. mail
  4. file/archivi
  5. software
  6. condivisione tempi e scadenze
  7. coordinamento del gruppo/team/uffici
  8. riunioni/meeting
  9. caffè

Diciamo che l’ultimo punto, a casa, non dovrebbe essere un problema.

Prima di iniziare è necessario valutare la sicurezza dei dati e del proprio lavoro digitale.
Se si lavora con dati sensibili, va sempre tenuta in considerazione la legge sulla privacy, non sono ammesse deroghe.
I dati gestiti sui computer di casa devono essere tenuti in sicurezza per evitarne la perdita o il furto.
Se i dati sono in azienda e ogni lavoratore ci accedere da remoto è necessario fare attenzione alla sicurezza della propria rete aziendale per evitare intromissioni illegali, la perdita dei dati o la loro manipolazione da persone non autorizzate.

Quando un lavoratore utilizzare il proprio computer di casa per il lavoro, è importate che il proprio PC abbiamo il sistema operativo sempre aggiornato e che sia presente un software antivirus (attivo e aggiornato).

Prima di utilizzare il proprio computer per lavoro, consiglio di seguire questi semplici consigli:

  1. Creare un utente dedicato al lavoro e sempre protetto da password in modo sa separare il più possibile l’ambiente di casalingo da quello di lavoro.
    La creazione di un nuovo utente permette la creazione di un nuovo desktop di lavoro, così avrete i due ambienti casalingo e di lavoro separati.
    Come creare un nuovo utente su Windows 10 https://answers.microsoft.com/it-it/windows/forum/windows_10-security/creare-un-nuovo-utente-in-windows-10/0a6ce75e-322c-4693-ba29-7deecf7691c7
    Come creare un nuovo utente su Mac https://support.apple.com/it-it/guide/mac-help/mtusr001/mac
  2. L’utente da creare deve essere di tipo standard, ma per installare alcuni software potrebbe essere necessario l’accesso amministratore. Una volta creato l’utente è possibile passare da un modo all’altro, ma mantenete l’utente amministratore solo per il tempo necessario a installare il software.
  3. Utilizzare con l’utente di lavoro solo e soltanto i software per l’utilizzo azienda, evitare così i giochini o le utility di dubbia origine.
  4. Non installare troppi software, spesso la maggior parte delle soluzioni sono anche fruibili tramite browser (vedremo presto come). E solo in casi specifici e necessario installare un software su computer.
  5. Non utilizzare con Chrome/Firefox/ecc… la sincronizzazione con il proprio account personale.
  6. Utilizzare un browser web moderno e aggiornato, per esempio Chrome oppure Firefox.
  7. Installare sul browser un adblocker in modo da evitare la visualizzare di popup o altre pubblicità, dove in alcuni casi sono veicoli per introdurre software malevolo sul computer
    Un esempio per Chrome https://chrome.google.com/webstore/detail/adblock-%E2%80%94-best-ad-blocker/gighmmpiobklfepjocnamgkkbiglidom
  8. Non utilizzare social, se non strettamente necessario, sul proprio desktop di lavoro, eventualmente continuate a seguire i vostri amici dal cellulare.
  9. Se per qualche motivo deve passare all’utente casalingo, è possibile fare lo switch dell’utente in modo da tornare al desktop personale e abbandonare momentaneamente quello di lavoro.
    Per Windows 10: https://www.isunshare.com/windows-10/3-ways-to-switch-user-in-windows-10.html
    Per Mac: https://www.dummies.com/computers/macs/how-to-switch-between-accounts-on-your-mac/

Completati questi passaggi avrete un computer pronto, almeno sugli aspetti di sicurezza prioritari, per iniziare a lavorare.

Una nota, alcune versioni di sistema operativo potrebbero avere delle limitazioni e non avere tutte le funzioni che vi ho descritto.

Con il prossimo post in cui andremo a vedere le prime soluzioni e configurazioni software.

Credits: la maggior parte delle immagini utilizzate in questo post, sono state scaricate da Freepik https://stories.freepik.com/